Salmo 118 (–)

SALMO 118
(Giovedì santo)

 Spartito

II Signore si alzò da tavola, versò acqua in un catino e incominciò a lavare i piedi ai suoi discepoli.
«Se io, Signore e Maestro, ho lavato i vostri piedi, tanto più voi li dovete lavare gli uni agli altri».

Beato chi è integro nella sua via
e cammina nella legge del Signore.

Beato chi custodisce i suoi insegnamenti
e lo cerca con tutto il cuore.

Non commette certo ingiustizie
e cammina nelle sue vie.

Tu hai promulgato i tuoi precetti
perché siano osservati interamente.

Siano stabili le mie vie
nel custodire i tuoi decreti.

Non dovrò allora vergognarmi,
se avrò considerate tutti i tuoi comandi.

Ti loderò con cuore sincero,
quando avrò appreso i tuoi giusti giudizi.

Voglio osservare i tuoi decreti:
non abbandonarmi mai.

Come potrà un giovane tenere pura la sua via?
Osservando Ia tua parola.

Can tutta il mia cuore ti cerco:
non lasciarmi deviare dai tuoi comandi.

Ripongo nel cuore la tua premessa
per non peccare contro di te.

Benedetto sai tu, Signore:
insegnami i tuoi decreti.

Con le mia labbra ho raccontato
tutti i giudizi dalla tua bocca.

Nella via dei tuoi insegnamenti è la mia gioia,
più che in tutte le ricchezze.

Voglio meditare i tuoi precetti,
considerare le tue vie.

Nei tuoi decreti è la mia delizia,
non dimenticherò la tua parola.

Gloria al Padre e al Figlio
a alla Spirito santo.

Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

II Signore si alzò da tavola, versò acqua in un catino e incominciò a lavare i piedi ai suoi discepoli.
«Se io, Signore e Maestro, ho lavato i vostri piedi, tanto più voi li dovete lavare gli uni agli altri».